Il sito di Cecilia Vetturini


Vai ai contenuti

Le mappe concettuali

Una mia passione: costruire mappe




Il vero apprendimento si verifica quando ci si attiva
per comprendere il significato di quello che è stato memorizzato:
è il significato, infatti, che conferisce valore all'apprendimento
(J. Novak)


Sei domande sulle mappe concettuali:

1. Cosa sono?
Sono rappresentazioni grafiche di un insieme di concetti (= regolarità) in relazione tra di loro.
Si tratta di strutture concettuali nelle quali le informazioni su un certo argomento vengono rappresentate mediante nodi semantici (concetti) e legami commentati (etichette di testo).

2. Come si fanno?
1. Si mette, racchiuso in un box, il concetto principale al centro o al
vertice dello 'schema'.
2. Si sistemano gli altri concetti
connessi al principale e tra loro con generalità
decrescente (un concetto generale infatti è formato da altri concetti più specifici connessi tra loro).
3. Si stabiliscono le relazioni tra i concetti attraverso linee-legame o anche frecce.
4. Sulle linee e le frecce si esplicitano le diverse relazioni tra i concetti (etichette di testo).

3. Cosa rappresentare?
Una disciplina, un processo, un oggetto, un servizio. Si può anche passare da una mappa mentale a una mappa concettuale con la quale è possibile rappresentare concetti e sistemi anche molto complessi ed esplicitare il significato delle relazioni esistenti tra i vari concetti.

4. A che servono?

  • ad esplorare la struttura concettuale degli studenti;
  • a favorire la scoperta di nuovi concetti;
  • a individuare il significato delle relazioni tra i concetti;
  • a percorrere la strada dell'apprendimento significativo attivando connessioni, legami con altri concetti, collocando in altri contesti, facendo inferenze...

5. Quando usarle?

  • per individuare le preconoscenze degli studenti;
  • per pianificare la stesura di una relazione o una lezione;
  • per creare un ipertesto;
  • per effettuare un'analisi disiplinare;
  • per valutare l'apprendimento.


6. Chi ne è stato l’ideatore?

Negli anni '60 J. D. Novak che collaborava con David P. Ausubel. Questi aveva elaborato la teoria dell’apprendimento significativo, dell'apprendimento, cioè, in cui le nuove informazioni, vengono messe in relazione con le conoscenze preesistenti.





Un mio lavoro


In occasione di un corso di aggiornamento per insegnanti ho elaborato una presentazione per definire meglio caratteristiche, significati e applicazioni didattiche delle mappe mentali e delle mappe concettuali.
Puoi visionarlo nella sua completezza cliccando qui sotto:

Le mappe nella didattica


Oggi è il Aggiornato il 31 ott 2007 Sono le ore | c.vetturini@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu